Eccoci  al nostro secondo appuntamento del viaggio in Sila.

Sila Grande, lago Arvo. Il lago artificiale realizzato nei primi del novecento è immenso e i suoi bracci si insinuano come dita di una mano fra i monti. Perfettamente naturalizzato ora è un luogo speciale. Il lago è uno specchio. Sulle sue sponde si affaccia il villaggio di Lorica dove, al Chiosco Rosso, potete noleggiare una bici e percorrere le sponde del lago in un magnifico sentiero all’ombra degli altissimi pini larici (Pinus nigra Laricio).

E’ un luogo unico, quasi nordico con la brillantezza della luce calabrese. Ai pini si mescolano faggi, aceri, sorbi, castagni e qualche betulla! E se siete fortunati un fulmineo scoiattolo nero (Sciurus meridionalis) vi farà frenare di colpo…e vi accorgerete che sul suo petto ha una chiazza bianca.

Il sentiero passa per piccoli villaggi sempre costeggiando il lago , chiudendosi ad anello ma il tramonto ci ha sorpreso e prima che la luna si specchiasse nel lago siamo tornati indietro…con la promessa di ritornare.

Viaggio in Sila è un progetto di viaggio divenuto reale. L’idea è di camminare dipingendo luoghi, foglie, alberi e paesaggi per fissare sentimenti e profondi sguardi attraverso il pennello e gli acquerelli. Giorni immersi nei boschi e nelle tradizioni nel Parco Nazionale della Sila.  Zaino, scarponi, un carnet di viaggio, acquerelli, per ritrarre viste e momenti.

Il viaggio ha inizio circa 30 anni fa, nella mia mente naturalmente, quando comprando un libro sugli alberi monumentali d’Italia scopro un posto a me sconosciuto: la Sila! Scrigno di storie e alberi monumentali, WOW! L’occasione arriva dopo anni, da adulto quando dopo diversi sopralluoghi e piccole gite nasce l’idea di un breve viaggio raccontato con acquerelli. Questa estate finalmente si parte.

Racconterò questo viaggio attraverso una serie di acquerelli e racconti che pubblicherò di domenica in domenica, per tutto il mese di dicembre. Un modo per viaggiare in un momento in cui non è possibile farlo. Un viaggio senza tempo dove ognuno potrà sognare. Buon viaggio.

Vi aspetto domenica prossima

articoli recenti